Aree di Studio Valerio Panella | Osservatorio / Observatory
38
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-38,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Osservatorio / Observatory

Un osservatorio per osservare caprioli ed altri animali selvatici presenti nei boschi.

Costruito su una preesistenza, un basamento in calcestruzzo al quale un tempo si poggiava un punto di appostamento per la caccia, la pianta della piccola struttura ruota rispetto al basamento questo, per ricavare un pianerottolo davanti all’accesso dell’osservatorio ed inserirsi in maniera più fluida tra due alberi cresciuti a fianco del basamento in cemento creando così un effetto immersivo maggiore quanto si è all’interno.

Grazie sempre all’inclinazione data, la struttura si pone idealmente in un crocevia tra un sentiero ed una strada poderale che attraversa il bosco: da queste due direttrici si può godere di due scorci significativi della struttura nel suo contesto e, più precisamente, dei due spigoli vetrati che contraddistinguono l’osservatorio.

Il rivestimento esterno, composto da legname di recupero, come molti altri componenti, è un assito con diverse sezioni, spazzolato e mordenzato nero che gli conferisce un aspetto in totale simbiosi con le geometrie ed i colori suggeriti dal bosco.

Il tema chiave di questo progetto è la continuità, che viene investigata in diverse situazioni. La prima, partendo dalla scala più ampia, è una continuità di tipo insediativo: la struttura unisce un sentiero che collega direttamente il giardino della villa con la strada principale che gira attorno alla tenuta; scendendo di scala, la posizione delle aperture consente una penetrazione visiva attraverso l’edificio lasciando continuità all’occhio che osserva il bosco. Ma anche il rivestimento sopra descritto va in continuità con la verticalità degli alberi oltre che cromatica, infine i vetri, leggermente riflettenti, ci fanno vedere il bosco che sta alle spalle spalle dell’osservatore, creando una continuità tra quello che abbiamo difronte è ciò che sta dietro di noi.

 

Progetto con: Alessandra Castelbarco Albani Architetto

In collaborazione con: Small Architecture Workshop e Plus Ultra Studio

Tipo: cliente privato

Località: Pesaro, Italia

Photo credits: Alessandra Castelbarco Albani e Valerio Panella

 

 

An observatory to watch roe deers and other wild animals that live in the woods.

Build on a preexisting structure that was previously used for hunting, the small cabin had to be rotated on the base, so it could be inserted fluidly in between the trees that grew around the area.

Again due to its specific positioning, the cabin is placed on the crossroad between the path that leads from the woods to the gardens of the villa, and the farm road that unfolds through the forest.

These two vectors allow the structure to be seen from two different perspectives and, more specifically, to catch a glimpse of the distinctive feature of the observatory: the glass corners.

The external covering, made from recycled wood boards, is in perfect harmony with the colours and geometries of the woods.

The focal point of this project is continuity, which was developed both trough the positioning of the observatory as well as the choice of the materials that were used: specifically, the subtle reflection of the woods in the glass corners creates a bridge between what is behind us and what we can see in front of us.

 

Project with: Alessandra Castelbarco Albani Architetto

In collaboration with: Small Architecture Workshop and Plus Ultra Studio

Type: private client

Location: Pesaro, Italy

Photo credits: Alessandra Castelbarco Albani and Valerio Panella

Date
Category
Architecture
Tags
Architecture, Architettura, Architettura del Paesaggio, Osservatorio, Plus Ultra Studio, Small Architecture, Small Architecture Workshop